# partenza n.64

Era tutto come sempre, con il tratto di banchina senza tettoia e il sole dell’estate che non dava tregua. Quando però un treno si fermava di fronte al binario faceva da schermo con grande sollievo per tutti, anche se durava solo per il breve tempo della sosta. Nessuno poteva fare a meno di stare ad aspettare anche se l’unico spazio all’ombra era sempre occupato.

Molti fumavano come prova evidente che gli amanti del tabacco erano in aumento dopo anni di decrescita. Anche se all’aperto il fumo ristagnava in una nuvola sgradevole quasi a reclamare la propria potenza. Ogni cosa sembrava immobile, ogni sguardo identico a quello del giorno prima. E così anche il ritardo.

A destra e a sinistra qualcuno parlava a bassa voce. Altri invece piegavano la testa aspettando l’arrivo. Solo quando sentiva il rumore della locomotiva la folla si distribuiva in fretta lungo tutta la lunghezza della banchina cercando di entrare nel posto più fresco della carrozza.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...