# partenza n.60

In mezzo era uguale, la diversità sembrava frequentazione. Lo aveva sperimentato, dipendeva dall’ora. Si combinava così per farlo sembrare un mondo diverso, senza collegamenti e senza filo conduttore. Ricordava i colori e gli odori, le lingue, gli sguardi e gli atteggiamenti.

Nonostante la breve durata ripeteva con forza ogni mattina il suo mantra personale e ne faceva un gioco. Entrava negli occhi di qualcuno per vedere da un altro punto di vista con un po’ di coraggio e la voglia di non fermarsi a guardare sempre solo dal solito luogo.

La noia durante le ore tutte uguali era un eccesso che creava un senso di vertigine. Così la capacità di conoscenza risultava compromessa. 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...