# partenza n.48

Sentiva le voci tra il primo e il secondo piano riempire con il loro tono lo spazio vuoto. Le sentiva quasi tutti i giorni, aveva deciso di non limitarsi ma di aggiungere qualcosa di suo. Gli sembravano venire dalla musica e quando poteva le ascoltava in tutti quei dischi del primo piano.

Erano così tanti che non era neppure mai riuscito a metterli in fila. Avrebbe forse potuto compilare una lista ma poi decideva che era meglio lasciarli in disordine perché l’ascolto potesse essere ogni volta come la prima e lo stupore continuare.

Era possibile che un tempo fosse una persona diversa a mischiare quelle voci nella confusione. Non avrebbe mai raccontato la sorpresa che riempiva gli spazi. Le voci, si diceva, sapevano che questo succedeva solo a lui. Non era abitudine scambiarsi punti di vista sulle conseguenze.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...