# partenza n.32

Era la notte del volo ma indovinarlo sembrava impossibile. Non si passa il tempo a immaginare qualcosa che si presenta davanti all’improvviso per poi decidere cosa fare e realizzare l’impossibilità di intercettare ciò che vola.

Troppo lontano, troppo veloce, pensava, imprendibile. Il rischio troppo alto. Ma perché lasciarlo correre a velocità folle e non fare niente per fermarlo? In queste frazioni si decide non certo il destino ma solo la traiettoria di una notte, o così almeno credeva.

Sembrava scomporre i giorni in qualcosa di minuscolo che solo lui immaginava. Così numeroso da stare impegnato per ore a farne una lista. Alla fine dentro un’altra notte ancora più profonda.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...