# partenza n.6

Scrivere un diario anche se non si ha niente da dire. Gli era allora venuta l’idea di metterci qualche fotografia per riempire gli spazi vuoti lasciati dalle parole, non però paesaggi o ritratti ma qualcosa di inquinato, raccolto casualmente dentro gli archivi che ognuno di noi possiede ma dimentica troppo in fretta.

Non si tratta di un vero possesso, forse proprio del contrario. Qualcosa che emerge, come dice il filosofo, anche con una certa urgenza. E quindi rendersi conto del potere della lista, qualunque cosa fosse capace di fare emergere il necessario proprio in quel momento preciso.

Ma anche il superfluo dell’apparenza nello stesso momento. La sua lista iniziava con le copertine dei dischi lì a portata di mano in ordine alfabetico.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...