Le pagine arrivano quasi per caso

Albert Camus, La peste

Nella mia lunga lista di romanzi da leggere prima che sia troppo tardi, La peste è sempre stato ai primi posti. Ma per non so quale ragione rimaneva sempre lì, in attesa. Forse perchè non mi decidevo a comprare il libro, forse perchè qualcos’altro passava sempre davanti e sembrava avere più importanza. O forse perché aspettavo di avere più tempo a disposizione, o l’occasione. Qualche settimana fa ho trovato il libro in una vecchia edizione a casa di mia madre. L’ho portato a casa mia, l’ho tenuto sulla scrivania, in bella vista nella sua copertina verde. Lo guardavo e pensavo: “Adesso sei qui, non ho più scuse”. Fino a quando le nostre vite non hanno cominciato a prendere una piega inaspettata. Era l’ora di leggerlo.

Ne ho ricopiato alcune righe.

“Il dottor Rieux era impreparato, come lo erano i nostri concittadini, e in tal modo vanno intese le sue esitazioni. In tal modo va inteso anche com’egli sia stato diviso tra l’inquietudine e la speranza. Quando scoppia una guerra la gente dice: “Non durerà, è troppo stupida.” E non c’è dubbio che una guerra sia davvero troppo stupida, ma questo non le impedisce di durare. La stupidaggine insiste sempre, ce ne accorgeremmo se non pensassimo sempre a noi stessi.

I nostri concittadini, al riguardo, erano come tutti quanti, pensavano a se stessi. In altre parole, erano degli umanisti: non credevano ai flagelli. Il flagello non è commisurato all’uomo, ci si dice quindi che il flagello è irreale, è un brutto sogno che passerà. Ma non passa sempre, e di cattivo sogno in cattivo sogno sono gli uomini che passano, e gli umanisti, in primo luogo, in quanto non hanno preso le loro precauzioni.

I nostri concittadini non erano più colpevoli di altri, dimenticavano di essere modesti, ecco tutto, e pensavano che tutto era ancora possibile per loro, il che supponeva impossibili i flagelli. Continuavano a concludere affari e a preparare viaggi e ad avere opinioni. Come avrebbero pensato alla peste, che abolisce il futuro, gli spostamenti e le discussioni? Si credevano liberi, e nessuno sarà mai libero sino a tanto che ci saranno i flagelli”.

http://temi.repubblica.it/micromega-online/l-umanesimo-ai-tempi-del-coronavirus-rileggendo-la-peste-di-camus/

https://it.wikipedia.org/wiki/La_peste_(romanzo)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...